Questo mese è il grembo caldo, quasi sonnolento, dell’estate. Il momento della maturazione della maggior parte dei frutti e delle messi prima che i raggi del sole comincino un inesorabile quanto mai visibile declino. Simbolo e manna di questo tempo di calore e luce è il frumento, mietuto perlopiù all’inizio del mese in un’aura di sacralità di atti e gesti capace di andare oltre le tradizioni e i popoli, unendo questi ultimi come pochi doni della terra sanno fare. Il Vecchio, la Vecchia, la Madonna o la Regina del Grano, questi gli epiteti del raccolto nelle differenti culture europee. Un momento di profonda e perenne spiritualità che, ogni anno, sembra esso stesso farsi spirito benevolo e copioso. Così ogni singola spiga, nella tradizione contadina, muore per generare e rigenerare, in un ricorrente simbolismo eucaristico che si svela sotto un sole indulgente e impetuoso, padre celeste dei raccolti più preziosi.

Il numero di Luglio di Facile con Gusto racconta gli effetti di questo sole, a cominciare dal trionfante orto del mese, declinato in tante ricette, dalle torte rustiche alle insalate, passando per fresche e “toniche” creme in grado di sedare al meglio i dispotici effetti della calura stagionale.

Pasta e riso seguono lo stesso sprone, incontrando pesce azzurro, crostacei, tofu, ananas e altri profumati doni estivi. I secondi del mese sono a base di polpette e di pollo. Alle prime abbiamo dedicato pagine di vero amore: dal tradizionale polpettone a ricette più creative con farce all’uovo, alle patate e alle verdure. Al secondo, invece, uno scrupoloso servizio che ne svela la sua immensa duttilità, dalle preparazioni al forno alle fritture, passando per suggestioni tropicali con cocco e curry.

Il mare di Luglio è una “baldoria” di cozze, saporito mollusco dalle infinite inclinazioni culinarie. Al melone e all’albicocca, arancioni protagonisti dell’estate, abbiamo dedicato due speciali in grado di svelarvi pregi e virtù di entrambi i frutti. Sorprendente il melone nell’accompagnare carne, crostacei, pasta, molluschi, un innovativo tiramisù e, infine, un dissetante Daiquiri. Rassicurante, invece, l’albicocca, nel proiettarsi in soffici, cremose o fragranti preparazioni di pasticceria.

Al culto del panino, infine, pranzo tra i più amati dell’estate, è riservato un spazio con tante idee e soluzioni da prendere, letteralmente, “al volo”.
I viaggi di Luglio raccontano le bellezze, naturali e gastronomiche, del Lago di Serra di Corvo, tra Basilicata e Puglia, abbagliato da sole e dal colore del grano. Dalla calda Italia poi partiremo verso il profondo nord per approdare nella fresca Norvegia, dove la cucina è un melting pot di bosco, mare e montagna.

Il vino del mese è il Nebbiolo della Valtellina, eroico e di montagna, accompagnato, per l’occasione, non dal consueto distillato ma da uno speciale sulla birra, compagna informale della più classica estate italiana che si possa mai immaginare.

Buona lettura e buona cucina!