Storia d'Italia di Indro Montanelli

L’Italia giacobina e carbonara (1789-1831)

Uscita Nº 7 del 06/06/2018

Periodicità: Settimanale

Editore: RCS MediaGroup

Il prodotto è disponibile

€ 8,90
Vedi tutta la collezione

Descrizione

In poco più di quarant’anni, dal 1789 al 1831, si susseguono vicende tumultuose e intricate che segnano il nostro destino: i disordini francesi, l’impresa di Bonaparte, la Repubblica Cisalpina e il confronto con l’Austria, la tragica Rivoluzione napoletana del 1799, il Congresso di Vienna, i timidi moti del 1821, l’inizio della grande trama mazziniana verso una Repubblica democratica, le lotte dei carbonari. Dal “balletto che Napoleone impose al nostro Paese, facendone e disfacendone gli Stati” parte il cammino che ci condurrà – ultimi tra gli europei – a essere Stato unitario nel 1861. Montanelli, “uomo che conserva integra la religione del Risorgimento”, ci presenta un passaggio cruciale della storia italiana dedicandosi alla ricostruzione e all’analisi dei fermenti sociali, economici, culturali, con personaggi del calibro di Foscolo, Leopardi, Manzoni, Rossini, che hanno incarnato lo spirito di quel primo Ottocento.

Descrizione

In poco più di quarant’anni, dal 1789 al 1831, si susseguono vicende tumultuose e intricate che segnano il nostro destino: i disordini francesi, l’impresa di Bonaparte, la Repubblica Cisalpina e il confronto con l’Austria, la tragica Rivoluzione napoletana del 1799, il Congresso di Vienna, i timidi moti del 1821, l’inizio della grande trama mazziniana verso una Repubblica democratica, le lotte dei carbonari. Dal “balletto che Napoleone impose al nostro Paese, facendone e disfacendone gli Stati” parte il cammino che ci condurrà – ultimi tra gli europei – a essere Stato unitario nel 1861. Montanelli, “uomo che conserva integra la religione del Risorgimento”, ci presenta un passaggio cruciale della storia italiana dedicandosi alla ricostruzione e all’analisi dei fermenti sociali, economici, culturali, con personaggi del calibro di Foscolo, Leopardi, Manzoni, Rossini, che hanno incarnato lo spirito di quel primo Ottocento.