Solferino Libri

Volodymyr Zelensky - Nella mente di un eroe

Uscita Nº 3 del 26/05/2022

Periodicità: Aperiodico

Editore: Solferino Libri

Il prodotto è disponibile

€ 15,00

Descrizione

Dalle 6 del mattino del 24 febbraio l’immagine del presidente dell’Ucraina Volodymyr Zelen-sky è indissolubilmente legata ai suoi pantaloni kaki, alla maglietta militare, alla faccia mal rasata esibita in video dalla sua residenza di Bankova, a Kyïv, da dove non si è mosso dal giorno in cui l’esercito russo ha varcato i confini della sua Ucraina, additandolo come l’«obiettivo numero uno» e trasformandolo nel capo mi¬litare di un Paese in guerra.

Zelensky ha incitato i suoi cittadini con parole roventi: «Putin ha dichiarato guerra all’Ucraina e a tutto il mondo democratico. Vuole distruggere il mio Stato, il nostro Stato, tutto ciò che abbiamo costruito, tutto ciò per cui viviamo. Mi rivolgo agli ucraini e in particolare ai soldati: siete coraggiosi, indistruttibili, siete ucraini». E così Zelensky è diventato l’incarnazione dell’eroismo e della resistenza di un popolo intero, che combatte una battaglia tra la vita e la morte per la propria libertà.

Dall’inizio delle ostilità Zelensky si è allontanato da Kyïv una sola volta: per andare a Buča, e i suoi orrori lo hanno invecchiato di vent’anni. Il comico che ha conquistato la celebrità nelle vesti di Vasilij Goloborod’ko, il professore di storia che è diventato presidente nella serie Servant of the People, ha sulle proprie spalle l’esito di una partita sanguinosa e decisiva, e ne sente tutto il peso. Per drammatica ironia della sorte, lui che aveva fatto ridere fino alle lacrime i suoi compatrioti si trova a essere protagonista dell’unica scena della serie che non era ancora stata girata: la guerra in cui è stato trascinato da Putin. Soltanto che ora è tutto terribilmente reale.

Descrizione

Dalle 6 del mattino del 24 febbraio l’immagine del presidente dell’Ucraina Volodymyr Zelen-sky è indissolubilmente legata ai suoi pantaloni kaki, alla maglietta militare, alla faccia mal rasata esibita in video dalla sua residenza di Bankova, a Kyïv, da dove non si è mosso dal giorno in cui l’esercito russo ha varcato i confini della sua Ucraina, additandolo come l’«obiettivo numero uno» e trasformandolo nel capo mi¬litare di un Paese in guerra.

Zelensky ha incitato i suoi cittadini con parole roventi: «Putin ha dichiarato guerra all’Ucraina e a tutto il mondo democratico. Vuole distruggere il mio Stato, il nostro Stato, tutto ciò che abbiamo costruito, tutto ciò per cui viviamo. Mi rivolgo agli ucraini e in particolare ai soldati: siete coraggiosi, indistruttibili, siete ucraini». E così Zelensky è diventato l’incarnazione dell’eroismo e della resistenza di un popolo intero, che combatte una battaglia tra la vita e la morte per la propria libertà.

Dall’inizio delle ostilità Zelensky si è allontanato da Kyïv una sola volta: per andare a Buča, e i suoi orrori lo hanno invecchiato di vent’anni. Il comico che ha conquistato la celebrità nelle vesti di Vasilij Goloborod’ko, il professore di storia che è diventato presidente nella serie Servant of the People, ha sulle proprie spalle l’esito di una partita sanguinosa e decisiva, e ne sente tutto il peso. Per drammatica ironia della sorte, lui che aveva fatto ridere fino alle lacrime i suoi compatrioti si trova a essere protagonista dell’unica scena della serie che non era ancora stata girata: la guerra in cui è stato trascinato da Putin. Soltanto che ora è tutto terribilmente reale.