Lezioni di Fisica (ed. 2021)

Roberto Benzi, La teoria del caos

Uscita Nº 10 del 10/02/2022

Periodicità: Settimanale

Editore: RCS MediaGroup

Il prodotto è non disponibile

€ 6,90
Vedi tutta la collezione

Descrizione

Una pentola che bolle, le turbolenze dell’atmosfera, i movimenti dell’acqua negli oceani, ma anche i moti dei pianeti del sistema solare, il ritmo del nostro cuore, l’attività del nostro cervello: sono tutti sistemi caotici, a lungo considerati impossibili da descrivere matematicamente. Ora invece il caos è stato “domato”: anche se non è possibile prevedere il destino di questi sistemi con la massima precisione, si può capire dove, quando e in che modo si avvieranno lungo sentieri che si biforcano in continuazione, ramificandosi verso i possibili futuri di un solo passato (come scriveva Borges in uno dei suoi più affascinanti racconti). La teoria del caos sostituisce la probabilità alla certezza e soprattutto permette di calcolare fin dove ci si può spingere a predire l’evoluzione di un sistema. E, per rimanere nella nostra vita quotidiana, ci insegna a diffidare (lo afferma la matematica) delle previsioni meteorologiche a lungo termine, oggi molto di moda.

Descrizione

Una pentola che bolle, le turbolenze dell’atmosfera, i movimenti dell’acqua negli oceani, ma anche i moti dei pianeti del sistema solare, il ritmo del nostro cuore, l’attività del nostro cervello: sono tutti sistemi caotici, a lungo considerati impossibili da descrivere matematicamente. Ora invece il caos è stato “domato”: anche se non è possibile prevedere il destino di questi sistemi con la massima precisione, si può capire dove, quando e in che modo si avvieranno lungo sentieri che si biforcano in continuazione, ramificandosi verso i possibili futuri di un solo passato (come scriveva Borges in uno dei suoi più affascinanti racconti). La teoria del caos sostituisce la probabilità alla certezza e soprattutto permette di calcolare fin dove ci si può spingere a predire l’evoluzione di un sistema. E, per rimanere nella nostra vita quotidiana, ci insegna a diffidare (lo afferma la matematica) delle previsioni meteorologiche a lungo termine, oggi molto di moda.