Lezioni di Fisica (ed. 2021)

Massimo Pietroni, Dal nulla all'universo

Uscita Nº 8 del 27/01/2022

Periodicità: Settimanale

Editore: RCS MediaGroup

Il prodotto è non disponibile

€ 6,90
Vedi tutta la collezione

Descrizione

Con gli strumenti più avanzati, sulla Terra e a bordo di satelliti, i fisici oggi riescono a esplorare le regioni estreme dello spazio e del tempo per arrivare oltre l’epoca in cui l’universo si è formato così come lo vediamo, quando era ancora invisibile perché opaco e, prima ancora, quando –subito dopo il Big Bang – si sono costituite la materia e le forze che la tengono insieme. È una ricerca che si avvale di idee brillanti e tecnologie all’avanguardia, rivolte a cercare i “fossili” dell’epoca, tracce (radiazioni, particelle) che l’universo in formazione ci ha lasciato, sia pure ben nascoste in fenomeni rari e in eventi da scoprire via via che le conoscenze progrediscono. Ormai siamo arrivati a individuare come doveva presentarsi l’universo quando esisteva solo da qualche miliardesimo di secondo; resta il velo ultimo, il più difficile da sollevare, per ripercorrere quegli istanti infinitesimi che ci separano dall’inizio di tutto.

Descrizione

Con gli strumenti più avanzati, sulla Terra e a bordo di satelliti, i fisici oggi riescono a esplorare le regioni estreme dello spazio e del tempo per arrivare oltre l’epoca in cui l’universo si è formato così come lo vediamo, quando era ancora invisibile perché opaco e, prima ancora, quando –subito dopo il Big Bang – si sono costituite la materia e le forze che la tengono insieme. È una ricerca che si avvale di idee brillanti e tecnologie all’avanguardia, rivolte a cercare i “fossili” dell’epoca, tracce (radiazioni, particelle) che l’universo in formazione ci ha lasciato, sia pure ben nascoste in fenomeni rari e in eventi da scoprire via via che le conoscenze progrediscono. Ormai siamo arrivati a individuare come doveva presentarsi l’universo quando esisteva solo da qualche miliardesimo di secondo; resta il velo ultimo, il più difficile da sollevare, per ripercorrere quegli istanti infinitesimi che ci separano dall’inizio di tutto.