La grande storia nerazzurra

L'arrivo di Pellegrini

Uscita Nº 12 del 26/08/2021

Periodicità: Settimanale

Editore: RCS MediaGroup

Il prodotto è disponibile

€ 5,99
Vedi tutta la collezione

Descrizione

È il 12 marzo 1984 quando la proprietà dell’Inter passa da Ivanoe Fraizzoli a Ernesto Pellegrini, imprenditore che opera nel settore della ristorazione aziendale. Il primo colpo di mercato del nuovo presidente è di quelli a effetto: i nerazzurri ingaggiano Karl-Heinz Rummenigge, formidabile cannoniere tedesco, che nel 1984/1985 affianca l’altro straniero Liam Brady. In prima squadra intanto crescono Zenga, Bergomi, Ferri e Mandorlini, mentre in attacco brilla Altobelli. Nel 1986 Pellegrini punta su Giovanni Trapattoni, a cui affida la panchina, e rinforza il reparto arretrato con Passarella. Non arrivano subito i successi, ma, complice anche il ritorno in nerazzurro di Serena nella stagione 1987/1988, si formano le basi della squadra che nel giro di pochi anni trionferà in Italia e in Europa.

Descrizione

È il 12 marzo 1984 quando la proprietà dell’Inter passa da Ivanoe Fraizzoli a Ernesto Pellegrini, imprenditore che opera nel settore della ristorazione aziendale. Il primo colpo di mercato del nuovo presidente è di quelli a effetto: i nerazzurri ingaggiano Karl-Heinz Rummenigge, formidabile cannoniere tedesco, che nel 1984/1985 affianca l’altro straniero Liam Brady. In prima squadra intanto crescono Zenga, Bergomi, Ferri e Mandorlini, mentre in attacco brilla Altobelli. Nel 1986 Pellegrini punta su Giovanni Trapattoni, a cui affida la panchina, e rinforza il reparto arretrato con Passarella. Non arrivano subito i successi, ma, complice anche il ritorno in nerazzurro di Serena nella stagione 1987/1988, si formano le basi della squadra che nel giro di pochi anni trionferà in Italia e in Europa.