I libri del Corriere della Sera

URSS Addio - 1991 la fine dell'Unione Sovietica di Antonio Scurati

Uscita Nº 2 del 14/12/2021

Periodicità: Aperiodico

Editore: Solferino Libri

Il prodotto è disponibile

€ 9,90
Vedi tutta la collezione

Descrizione

La bandiera rossa fu ammainata dal pennone del Cremlino il 25 dicembre 1991, trent’anni fa. Ma il colpo mortale all’Unione Sovietica lo aveva inflitto quattro mesi prima, in agosto, il fallimento del golpe tentato da coloro che avrebbero voluto restaurare il regime comunista a partito unico. Fu allora che Boris Eltsin si oppose a nome della Russia e fondò di fatto una nuova legittimità. Michail Gorbaciov, che aveva rifiutato di collaborare con i golpisti, dovette ben presto constatare che la sua carica di presidente dell’Urss non aveva più senso. In questo libro, curato da Antonio Carioti, ripercorriamo gli eventi attraverso gli articoli del «Corriere della Sera» di allora: le corrispondenze di Andrea Bonanni e Paolo Valentino, i commenti di Claudio Magris, Angelo Panebianco, Ugo Stille, Vittorio Strada, Franco Venturini. Aprono il volume due contributi inediti di Marcello Flores e Paolo Valentino, lo chiude una tavola rotonda tra gli storici Andrea Graziosi, Silvio Pons e Antonella Salomoni. Il crollo dell’Urss, a dispetto del tempo che è passato, resta un argomento attuale non solo per la riflessione storica sul destino del sistema sovietico, ma anche per capire quanto la Russia di oggi sia segnata dall’eredità di quella esperienza, i cui strascichi si estendono ben oltre i suoi confini.

Descrizione

La bandiera rossa fu ammainata dal pennone del Cremlino il 25 dicembre 1991, trent’anni fa. Ma il colpo mortale all’Unione Sovietica lo aveva inflitto quattro mesi prima, in agosto, il fallimento del golpe tentato da coloro che avrebbero voluto restaurare il regime comunista a partito unico. Fu allora che Boris Eltsin si oppose a nome della Russia e fondò di fatto una nuova legittimità. Michail Gorbaciov, che aveva rifiutato di collaborare con i golpisti, dovette ben presto constatare che la sua carica di presidente dell’Urss non aveva più senso. In questo libro, curato da Antonio Carioti, ripercorriamo gli eventi attraverso gli articoli del «Corriere della Sera» di allora: le corrispondenze di Andrea Bonanni e Paolo Valentino, i commenti di Claudio Magris, Angelo Panebianco, Ugo Stille, Vittorio Strada, Franco Venturini. Aprono il volume due contributi inediti di Marcello Flores e Paolo Valentino, lo chiude una tavola rotonda tra gli storici Andrea Graziosi, Silvio Pons e Antonella Salomoni. Il crollo dell’Urss, a dispetto del tempo che è passato, resta un argomento attuale non solo per la riflessione storica sul destino del sistema sovietico, ma anche per capire quanto la Russia di oggi sia segnata dall’eredità di quella esperienza, i cui strascichi si estendono ben oltre i suoi confini.