I libri del Corriere della Sera

Il bambino è il Maestro - Vita di Maria Montessori

Uscita Nº 1 del 06/05/2022

Periodicità: Bimestrale

Editore: Solferino Libri

Il prodotto è disponibile

€ 12,90
Vedi tutta la collezione

Descrizione

Al nome di Maria Montessori si lega il metodo che ha rivoluzionato la pedagogia mettendo il bambino al centro del processo educativo. Un rovesciamento di prospettiva che, a settant’anni dalla morte della sua autrice, non ha perso nulla della sua radicalità e che poteva provenire soltanto da una donna controcorrente in ogni momento della sua esistenza.

Cristina De Stefano ne delinea un ritratto senza pregiudizi o sconti, concentrato sulla sua personalità energica, insofferente agli schemi sociali, a tratti disturbante per la sua eterodossia. Attraverso testimonianze inedite, prova a diradare la nebbia che si raccoglie ancora attorno a lei, nel momento in cui si lascia a lato la sua popolarità per rispondere all’interrogativo: chi era davvero, Maria Montessori?

Allieva allergica all’istituzione scolastica, laureata in Medicina quando le donne all’università erano rarissime, militante femminista, dedita al volontariato e alla professione clinica, Montessori ha la sua prima grande intuizione davanti ai bambini abbandonati nel manicomio della Lungara di Roma: i «frenastenici» sono all’origine del suo generale ripensamento sulle modalità in cui i più piccoli vanno accompagnati nello sviluppo verso l’età adulta. Ma la scienziata che è in lei non vuole introdurre correttivi e aggiustamenti in un sistema educativo che le appare «una storia millenaria di sopraffazione».

Vuole rovesciarlo dalle fondamenta in funzione di una nuova idea, totale, di società. Il suo metodo pedagogico, applicato all’inizio in una scuola nel quartiere più povero di Roma, fa in pochi anni il giro del mondo e la trasforma in una celebrità. Da allora Maria Montessori dedica tutta la sua vita alla sua missione: salvare il mondo partendo dai bambini.

Tra scienza e spiritualità, intuito e capacità organizzative, nobiltà di ideali e pragmatismo, Montessori è stata (ed è ancora) un idolo per i suoi seguaci e uno spauracchio per i suoi critici. Per alcuni è profetessa di una nuova umanità. Per altri una despota e un’opportunista. Tra questi estremi, si muove un personaggio di straordinaria complessità, unico e persistente nel tempo, come riesce a come riesce a essere solo chi il mondo lo ha cambiato davvero.

Descrizione

Al nome di Maria Montessori si lega il metodo che ha rivoluzionato la pedagogia mettendo il bambino al centro del processo educativo. Un rovesciamento di prospettiva che, a settant’anni dalla morte della sua autrice, non ha perso nulla della sua radicalità e che poteva provenire soltanto da una donna controcorrente in ogni momento della sua esistenza.

Cristina De Stefano ne delinea un ritratto senza pregiudizi o sconti, concentrato sulla sua personalità energica, insofferente agli schemi sociali, a tratti disturbante per la sua eterodossia. Attraverso testimonianze inedite, prova a diradare la nebbia che si raccoglie ancora attorno a lei, nel momento in cui si lascia a lato la sua popolarità per rispondere all’interrogativo: chi era davvero, Maria Montessori?

Allieva allergica all’istituzione scolastica, laureata in Medicina quando le donne all’università erano rarissime, militante femminista, dedita al volontariato e alla professione clinica, Montessori ha la sua prima grande intuizione davanti ai bambini abbandonati nel manicomio della Lungara di Roma: i «frenastenici» sono all’origine del suo generale ripensamento sulle modalità in cui i più piccoli vanno accompagnati nello sviluppo verso l’età adulta. Ma la scienziata che è in lei non vuole introdurre correttivi e aggiustamenti in un sistema educativo che le appare «una storia millenaria di sopraffazione».

Vuole rovesciarlo dalle fondamenta in funzione di una nuova idea, totale, di società. Il suo metodo pedagogico, applicato all’inizio in una scuola nel quartiere più povero di Roma, fa in pochi anni il giro del mondo e la trasforma in una celebrità. Da allora Maria Montessori dedica tutta la sua vita alla sua missione: salvare il mondo partendo dai bambini.

Tra scienza e spiritualità, intuito e capacità organizzative, nobiltà di ideali e pragmatismo, Montessori è stata (ed è ancora) un idolo per i suoi seguaci e uno spauracchio per i suoi critici. Per alcuni è profetessa di una nuova umanità. Per altri una despota e un’opportunista. Tra questi estremi, si muove un personaggio di straordinaria complessità, unico e persistente nel tempo, come riesce a come riesce a essere solo chi il mondo lo ha cambiato davvero.