Guerre mondiali - La Seconda Guerra Mondiale

Anche l’Italia in Russia

Uscita Nº 10 del 27/03/2018

Periodicità: Settimanale

Editore: RCS MediaGroup

Il prodotto è non disponibile

€ 9,90
Vedi tutta la collezione

Descrizione

Giugno 1941, Mussolini decide di inviare in Russia il CSIR, Corpo di spedizione Italiano in Russia. Circa 60.000 uomini, agli ordini del generale Messe, vengono schierati in Ucraina lungo la linea del fronte attestata sul fiume Dnepr. Nel 1942 Mussolini invia altre truppe sul fronte orientale creando l’ARMIR, l’Armata italiana in Russia. Tra il dicembre 1942 e il gennaio 1943 l’Armata Rossa scatena la grande offensiva d’inverno travolgendo l’esercito italiano. Molte divisioni, in particolare la Julia, la Tridentina e la Cuneense, sono completamente accerchiate dai sovietici e devono aprirsi la strada della ritirata combattendo. Il bilancio della campagna di Russia è drammatico: circa 90.000 le vittime italiane tra caduti e dispersi.

Descrizione

Giugno 1941, Mussolini decide di inviare in Russia il CSIR, Corpo di spedizione Italiano in Russia. Circa 60.000 uomini, agli ordini del generale Messe, vengono schierati in Ucraina lungo la linea del fronte attestata sul fiume Dnepr. Nel 1942 Mussolini invia altre truppe sul fronte orientale creando l’ARMIR, l’Armata italiana in Russia. Tra il dicembre 1942 e il gennaio 1943 l’Armata Rossa scatena la grande offensiva d’inverno travolgendo l’esercito italiano. Molte divisioni, in particolare la Julia, la Tridentina e la Cuneense, sono completamente accerchiate dai sovietici e devono aprirsi la strada della ritirata combattendo. Il bilancio della campagna di Russia è drammatico: circa 90.000 le vittime italiane tra caduti e dispersi.