Facile con Gusto

N. 3 Marzo 2022

Uscita Nº 3 del 22/02/2022

Periodicità: Mensile

Editore: Quinto Quarto Edizioni

Il prodotto è disponibile

€ 3,90
Vedi tutta la collezione

Descrizione

Il nostro risveglio primaverile parte con un servizio sulle erbe, quelle del campo di Marzo, dai fiori del luppolo, alla cicoria, passando per valeriana, pimpinella e il fiore di papavero. I primi piatti del mese sono i risotti, preparazioni ancora “in bilico” tra inverno e primavera, tra calore e colore. Il secondo di carne “parla” inglese ed è un classico dei classici: il roastbeef. Dal profondo blu del mare, un abbagliante rosso di gamberoni viene declinato in molteplici preparazioni, anche dal sapore esotico, mentre l’orto consolida il dono del suo “fiore” più coriaceo, quel carciofo “dal tenero cuore che si vestì da guerriero”, così come lo definiva Pablo Neruda.

Un intero speciale celebrerà lo zafferano e curry, giallo oro che abbaglia piatti e cibi come nessune spezie potranno mai fare. Tornando alle carni poi, per riscaldare le ancora fredde sere del mese, molte versioni del Gulasch, tradizionale e aromatico spezzatino della Mitteleuropa. Le cremose mousse saranno le regine dei dolci, seguite da tante preparazioni a base di limone, promessa di un’estate non già così lontana. Un intero menu, infine, è dedicato alla festa del papà.

Nei nostri viaggi visiteremo la Mantova dei Gonzaga, quindi ci sposteremo nell’Agrigento dei templi, dove la primavera ha il colore dei mandorli. Voleremo poi in Australia alla scoperta di sapori primitivi per ristorarci, infine, a Saturnia, cuore caldo del Monte Amiata.

Il vino di marzo è il Rosso Conero delle Marche, mentre il distillato non poteva che essere l’Irish Whiskey, protagonista dei brindisi più “caldi” durante le celebrazioni di San Patrizio il 17 del mese.

Descrizione

Il nostro risveglio primaverile parte con un servizio sulle erbe, quelle del campo di Marzo, dai fiori del luppolo, alla cicoria, passando per valeriana, pimpinella e il fiore di papavero. I primi piatti del mese sono i risotti, preparazioni ancora “in bilico” tra inverno e primavera, tra calore e colore. Il secondo di carne “parla” inglese ed è un classico dei classici: il roastbeef. Dal profondo blu del mare, un abbagliante rosso di gamberoni viene declinato in molteplici preparazioni, anche dal sapore esotico, mentre l’orto consolida il dono del suo “fiore” più coriaceo, quel carciofo “dal tenero cuore che si vestì da guerriero”, così come lo definiva Pablo Neruda.

Un intero speciale celebrerà lo zafferano e curry, giallo oro che abbaglia piatti e cibi come nessune spezie potranno mai fare. Tornando alle carni poi, per riscaldare le ancora fredde sere del mese, molte versioni del Gulasch, tradizionale e aromatico spezzatino della Mitteleuropa. Le cremose mousse saranno le regine dei dolci, seguite da tante preparazioni a base di limone, promessa di un’estate non già così lontana. Un intero menu, infine, è dedicato alla festa del papà.

Nei nostri viaggi visiteremo la Mantova dei Gonzaga, quindi ci sposteremo nell’Agrigento dei templi, dove la primavera ha il colore dei mandorli. Voleremo poi in Australia alla scoperta di sapori primitivi per ristorarci, infine, a Saturnia, cuore caldo del Monte Amiata.

Il vino di marzo è il Rosso Conero delle Marche, mentre il distillato non poteva che essere l’Irish Whiskey, protagonista dei brindisi più “caldi” durante le celebrazioni di San Patrizio il 17 del mese.