Borghi d'Italia - Percorsi d'arte e natura

Sabbioneta e il Mantovano

Uscita Nº 29 del 20/10/2022

Periodicità: Settimanale

Editore: RCS MediaGroup

Il prodotto è disponibile

€ 8,90
Vedi tutta la collezione

Descrizione

Il territorio del Mantovano, situato a sud-est della Lombardia, al confine con il Veneto e l’Emilia-Romagna, proprio per la sua posizione a cavallo tra regioni differenti, è da sempre stato un crocevia di culture e popolazioni. Da un lato la zona si caratterizza per la presenza di numerosi bacini lacustri e corsi d’acqua e per un paesaggio che vede l’alternarsi di colline e distese pianeggianti, dall’altro i piccoli borghi e cittadine che la puntellano la arricchiscono di un incredibile patrimonio storico e artistico. Da non perdere, per esempio, gli splendidi edifici di Sabbioneta, dal Palazzo Ducale al Palazzo Giardino, fino al Teatro all’Antica, ma anche il suggestivo complesso monastico di Polirone, o una visita al borgo di Solferino, che porta le tracce dell’omonima battaglia, o ancora il sito palafitticolo di Fondo Tacoli, Patrimonio dell’UNESCO. Infine, vale la pena di concedersi un po’ di ristoro immersi nel verde avventurandosi nelle splendide riserve naturali che si diramano lungo le sponde del Po e dei suoi affluenti, Oglio e del Mincio.

Descrizione

Il territorio del Mantovano, situato a sud-est della Lombardia, al confine con il Veneto e l’Emilia-Romagna, proprio per la sua posizione a cavallo tra regioni differenti, è da sempre stato un crocevia di culture e popolazioni. Da un lato la zona si caratterizza per la presenza di numerosi bacini lacustri e corsi d’acqua e per un paesaggio che vede l’alternarsi di colline e distese pianeggianti, dall’altro i piccoli borghi e cittadine che la puntellano la arricchiscono di un incredibile patrimonio storico e artistico. Da non perdere, per esempio, gli splendidi edifici di Sabbioneta, dal Palazzo Ducale al Palazzo Giardino, fino al Teatro all’Antica, ma anche il suggestivo complesso monastico di Polirone, o una visita al borgo di Solferino, che porta le tracce dell’omonima battaglia, o ancora il sito palafitticolo di Fondo Tacoli, Patrimonio dell’UNESCO. Infine, vale la pena di concedersi un po’ di ristoro immersi nel verde avventurandosi nelle splendide riserve naturali che si diramano lungo le sponde del Po e dei suoi affluenti, Oglio e del Mincio.